ALLA SCOPERTA DI MOOREA

Moorea è stata la nostra prima tappa polinesiana e senza dubbio quella più bella e spettacolare. Si tratta di un’isola vulcanica dove mare, montagne, foreste, piantagioni e spiagge si susseguono tra loro in un’armonia di colori e forme che la rendono un posto magico. Per dare l’idea di questa magia mi è sufficiente riportare la frase di un polinesiano subito dopo aver scoperto la mia provenienza geografica. In un discreto inglese mi disse che lui era più fortunato di me perchè mentre io, in Italia avevo il Papa lui, lì era direttamente in paradiso. Al di là del leggero “blasfemismo” non aveva decisamente tutti i torti.

Noi abbiamo vissuto l’isola davvero intensamente e con qualche suggerimento potreste farlo anche voi.

COME ARRIVARE: è raggiungibile da Tahiti sia in nave che in aereo. Noi abbiamo preso l’aereo che in 10 minuti ci ha portato a destinazione.

COME MUOVERSI SULL’ISOLA: il modo migliore per muoversi a Moorea è affittando una macchina o uno scooter. Noi abbiamo optato per lo scooter per la maggiore praticità. Tra l’altro guidare per l’isola è molto semplice ci sono pochissime strade e la principale è quella litoranea che fa il giro dell’isola.

DOVE ALLOGGIARE: l’isola offre diverse soluzioni dai mega resort a guest house fino ad appartamenti. Trattandosi della seconda parte della nostra luna di miele non abbiamo proprio badato a spese concedendoci il Sofitel Moorea Kia Ora Beach Resort. Scelta azzeccatissima, bellissimo il resort e strepitoso il bungalow fronte mare. Tra l’altro consiglio vivamente il Sofitel perchè si trova in un’ottima posizione: vicino all’aereoporto e su una delle spiaggie più belle dell’isola. La laguna davanti al resort inoltre ha una bellissima barriera corallina ed è possibile fare dell’ottimo snorkeling.

LE MIGLIORI SPIAGGE: fare classifiche o selezioni su un posto come questo non è proprio facile posso comunque indicarvi quei luoghi che hanno avuto quel qualcosa in più.

 

Una delle migliori spiagge è quella di Temae. E’ quella dove sorge il Sofitel ed è stato uno dei motivi che ci hanno fatto sceglIere questa struttura. La spiaggia è molto lunga, con una bellissima sabbia bianca e contornata di piante da cocco. Barriera corallina incredibile e ad impreziosire il tutto la vista su Tahiti.

 

 

 

 

 

Altra bella spiaggia è Painapo Beach, nei pressi del Wombao (locale molto carino sulla spiaggia). La spiaggia è strettina ma il mare ha un colore meraviglioso. Meno bella di Temae ma la presenza di alcuni bar e ristoranti dove si possono bere e mangiare tipicità locali lo rende un eccellente luogo per una sosta.

 

 

 

 

 

Merita di essere menzionata anche la Baia di Opunohu. Nella parte più interna si ha una caratteristica sabbia di colore nero del tutto particolare rispetto al resto dell’isola. Qui anche la vegetazione cambia totalmente visto che siamo a ridosso delle montagne.

 

 

 

 

 

Nel nostro continuo peregrinare in motorino decidiamo di trascorrere qualche ora alla spiaggia Ta’ahiamanu. Molto caratteristica perchè le palme arrivano fino al mare e oltre creando un luogo suggestivo. La spiaggia è comoda anche perchè c’è sempre ombra, cosa che non guasta.

 

 

 

Uno dei luoghi dell’isola che ho amato di più è senza dubbio la zona di fronte ai Motu Tihaura e a Motu Fareone. Ci siamo arrivati per caso imboccando una stradina di breccia appena prima del Ristorante Tihaura. Credo che si tratti di una spiaggia privata perchè siamo stati fermati da una signora polinesiana che a fronte di un modesto pagamento ci ho fatto restare su quel paradiso completamente in solitudine. Vista la vicinanza sono anche riuscito a raggiungere a nuoto i 2 motu incontrando una varietà di pesci indescrivibili… mi ha addirittura fatto compagnia anche uno squaletto pinna nera. Essendoci una discreta corrente non guasterebbe essere discreti nuotatori.

 

 

 

 

Tenete presente che queste sono solo alcune delle spiagge che girando in motorino hanno attirato la nostra attenzione spingendoci ad una sosta, ci sono comunque anche tante altre spiagge dove vale la pena fermarsi.

 

COSE DA NON PERDERE: ci sono delle attività davvero imperdibili in Polinesia:

bagno con gli squali: in assoluto la migliore e forse più particolare escursione a cui ho partecipato in giro per il mondo. Una così spettacolare avventura però merita un articolo tutto suo che troverete girando nel blog.

spettacolo di danze polinesiane: è veramente uno spettacolo molto particolare e coinvolgente dove musica, colori e le movenze dei ballerini polinesiani vi conquisteranno. Noi siamo stati fortunati perché abbiamo assistito allo show direttamente nel nostro resort ma è comunque facile trovare in giro per l’isola questi spettacoli.

perle nere: oltre che per le bellezze naturali, le perle nere sono l’altro aspetto per cui la Polinesia è famosa nel mondo. Continuando a leggere il mio blog potreste scoprire come sia facile riuscire a comprare senza spendere una fortuna e facendo un gran figurone.

snorkeling: è la regina delle attività dell’isola. La bellezza del mare e dei suoi fondali, la presenza di un’ottima barriera corallina e la numerosa presenza di pesci di tutte le varietà sono un invito irrinunciabile. Armatevi quindi di maschera, pinne e boccaio ed entrate in questo acquario naturale.

Lascia un commento